La verità su Bucha è troppo scomoda per essere scoperta?

Ukraina Bucha

Di Scott Ritter

In guerra, la verità è la prima vittima”. Questa citazione è stata attribuita a Eschilo, un tragediografo greco del VI secolo a.C. noto per il suo “uso copioso di immagini, allusioni mitiche, linguaggio grandioso, giochi di parole e indovinelli”.

È giusto, quindi, che l’uomo che per primo ha dato voce al concetto di moderna propaganda in tempo di guerra veda la sua citazione prendere vita nell’attuale Ucraina.

Il governo di Kiev e i suoi consulenti occidentali per la guerra dell’informazione potrebbero aver cooptato tutti i dispositivi del drammaturgo di Eschilo per creare una tragedia moderna nella città ucraina di Bucha che esemplifica la nozione della menzogna non solo come sottoprodotto, ma anche come arma di guerra .

La principale fonte dei rapporti sulla tragedia di Bucha è una videocassetta, ripresa dalla polizia nazionale ucraina, di uno dei loro convogli che attraversa una strada della città. Una dozzina circa di cadaveri sparpagliata sulla carreggiata, molti dei quali sembrano essere stati legati.

 Questo video è diventato virale, producendo una pandemia di angoscia e rabbia che ha travolto gran parte del mondo, catturando allo stesso modo l’attenzione dei capi di stato e del capo della Chiesa cattolica, provocando un’ondata di condanna e indignazione diretta contro la Russia e il suo presidente, Vladimir Putin. La relazione di causa ed effetto tra il video e il contraccolpo globale è chiara: il primo non potrebbe esistere senza il secondo.

Una delle prime lezioni di obiettività è rallentare le cose per assicurarsi che il fatto non sia oscurato dall’emozione. La videocassetta Bucha è inquietante. Il video è stato rilasciato nella sua forma attuale, a quanto pare, con l’espresso intento di produrre un momento viscerale di “shock and awe” per lo spettatore.

Se questo è stato davvero il caso, allora coloro che l’hanno rilasciato – la polizia nazionale ucraina – hanno avuto successo oltre la loro più sfrenata immaginazione. O quella dei loro consiglieri, a seconda dei casi.

Il collegamento tra i morti e l’esercito russo è stato stabilito immediatamente, senza alcun dato basato sui fatti a sostegno, e successivamente è stato ripreso in tutte le forme di media, mainstream e social allo stesso modo. Chiunque abbia osato mettere in discussione la narrativa affermata “La Russia l’ha fatta” è stato insultato e sminuito come un “scellino russo”, o peggio.

Che queste conclusioni siano il sottoprodotto dell’isteria di massa non ha senso: perché cercare di essere obiettivi quando la narrazione si adatta a tutti gli stereotipi che erano stati accuratamente assemblati in precedenza dalle stesse persone che oggi ripetono a pappagallo la storia di Bucha.

Il “precondizionamento” sociale di un pubblico non abituato al pensiero critico è un passo essenziale per convincere questo pubblico ad accettare per valore nominale tutto ciò che gli viene messo davanti, indipendentemente da quanto egregiamente i fatti della storia mettano a dura prova la credulità. E siamo chiari: la narrativa ucraina degli eventi di Bucha sembra aumentare la credibilità.

La cronologia della narrazione produce la prima bandiera rossa che la storia spacciata dall’Ucraina, e che ha fatto eco in Occidente, non è quello che sembra. È assodato che le truppe russe hanno evacuato Bucha il 30 marzo.

 La polizia nazionale ucraina ha iniziato ad entrare a Bucha il 31 marzo e lo stesso giorno il sindaco di Bucha ha annunciato che la città era completamente sotto il controllo dei funzionari ucraini.

In nessun momento c’è stato alcun suggerimento da parte del sindaco o di qualsiasi altro funzionario ucraino di uccisioni di massa intraprese dalla Russia. La videocassetta in questione è stata rilasciata dalle autorità ucraine il 2 aprile; non è certo se il video sia stato girato prima o in quel giorno.

Quel che è certo è che le immagini mostrate nel video differivano nettamente dalla narrazione inizialmente ritratta dal sindaco.

Da parte sua, la Russia ha negato con veemenza le accuse e ha chiesto una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza dell’ONU per discutere quelle che il ministero degli Esteri russo ha definito le “provocazioni criminali da parte di soldati e radicali ucraini” a Bucha.

 La presidenza del Consiglio di sicurezza è detenuta dalla Gran Bretagna, e la missione britannica all’Onu ha respinto la richiesta russa, affermando che una discussione sull’Ucraina attualmente prevista per martedì 4 aprile servirebbe da forum per qualsiasi discussione su Bucha.

Si potrebbe pensare che il Consiglio di sicurezza, che in passato ha mostrato la disponibilità a riunirsi con breve preavviso per discutere gli eventi provenienti dall’Ucraina, cercherà di accogliere la richiesta della Russia su una questione di tale importanza.

L’obiettivo degli inglesi, tuttavia, non sembra essere la rapida ricerca della verità e della giustizia, ma piuttosto quello di guadagnare tempo per consentire alle ricadute politiche del presunto massacro di Bucha di svilupparsi ulteriormente.

Un esempio di questa tattica che si manifesta è la reazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden. “Avete visto cosa è successo a Bucha”, ha spiegato ai giornalisti, aggiungendo che il presidente russo Vladimir Putin “è un criminale di guerra”.

Biden ha approfittato della crisi di Bucha per sostenere la consegna di più armi all’Ucraina. “Dobbiamo continuare a fornire all’Ucraina le armi di cui hanno bisogno per continuare la lotta”, ha affermato. “E dobbiamo raccogliere tutti i dettagli in modo che questo possa essere un vero e proprio processo per crimini di guerra”.

Tutto questo dal presidente di un Paese che ha rifiutato di riconoscere la Corte penale internazionale. Per ragioni che dovrebbero essere ovvie a chiunque voglia applicare qualche pensiero critico.

Fortunatamente per il presidente Biden e il governo ucraino, il procuratore capo della corte britannico, Karim Khan, ha annunciato all’inizio di marzo 2022 di aver avviato un’indagine su presunti crimini di guerra e crimini contro l’umanità commessi in Ucraina.

 Dato l’alto profilo delle accuse di Bucha, si potrebbe immaginare che Khan abbia inviato una squadra forense per prendere il controllo della scena del crimine e supervisionare le autopsie sulle vittime per stabilire l’ora della morte, il meccanismo della morte e se le vittime fossero morte dove sarebbero stati trovati o se i loro corpi fossero stati spostati lì da un altro luogo.

Khan avrebbe anche il potere di condurre interviste con la polizia nazionale ucraina, che ha una storia di stretti rapporti con membri dell’estrema destra ucraina, incluso il famigerato Battaglione Azov. Di particolare interesse sarebbe qualsiasi indagine sugli ordini impartiti alla polizia in merito al trattamento di quei civili ucraini che si ritiene abbiano collaborato con l’esercito russo durante la sua occupazione di Bucha.

I risultati di tale indagine sarebbero molto probabilmente in conflitto con la narrativa perseguita dal governo ucraino e ripresa in Occidente da media e politici conformi allo stesso modo. Questo è il motivo principale per cui Khan non è attualmente a terra a Bucha. Si può presumere che se e quando Khan avrà finalmente accesso alle prove sugli omicidi di Bucha, sarà stato manipolato dalla polizia nazionale ucraina a tal punto che smentire le accuse sarà praticamente impossibile.

La verità su quello che è successo a Bucha è là fuori, in attesa di essere scoperta. Sfortunatamente, quella verità sembra essere scomoda per coloro che sono in grado di perseguirla in modo aggressivo attraverso un’indagine forense in loco.

 Se succede che alla fine emerge che la polizia nazionale ucraina ha assassinato civili ucraini per il reato di presunta collaborazione con i russi durante la loro breve occupazione di Bucha, e le forze del diritto internazionale sono indotte contro i veri autori di quel crimine, qualsiasi vera ricerca della giustizia dovrebbe includere sia il governo degli Stati Uniti che quello del Regno Unito come co-cospiratori consapevoli in qualsiasi crimine accusato.

Scott Ritter è un ex ufficiale dell’intelligence del Corpo dei Marines degli Stati Uniti e autore di “SCORPION KING: America’s Suicidal Embrace of Nuclear Weapons from FDR to Trump”. Ha servito in Unione Sovietica come ispettore per l’attuazione del Trattato INF, nello staff del generale Schwarzkopf durante la Guerra del Golfo e dal 1991 al 1998 come ispettore delle armi delle Nazioni Unite .