Comando whois di Linux

whois linux comandi

Descrizione

whois cerca un oggetto in un database WHOIS. WHOIS è un protocollo di query e risposta ampiamente utilizzato per interrogare database che memorizzano gli utenti registrati di una risorsa Internet , come un nome di dominio o un blocco di indirizzi IP , ma viene utilizzato anche per una gamma più ampia di altre informazioni.

La maggior parte delle versioni moderne di whois cerca di indovinare il server giusto per richiedere l’oggetto specificato. Se non è possibile effettuare ipotesi, whois si connetterà a whois.networksolutions.com per gli handle NIC o whois.arin.net per gli indirizzi IPv4 e i nomi di rete.

Sintassi

whois [ -h HOST ] [ -p PORT ] [ -aCFHlLMmrRSVx ] [ -g SOURCE : FIRST-LAST ]
      [ -i ATTR ] [ -S SOURCE ] [ -T TYPE ] oggetto
whois -t TIPO

whois -v TIPO

whois -q parola chiave

Opzioni

-h OSPITECollegarsi all’host del database WHOIS HOST .
-HSopprimere la visualizzazione di disclaimer legali.
-p PORTODurante la connessione, collegarsi alla porta di rete PORT .
–verbosoOpera in modo prolisso .
–aiutoVisualizza un messaggio di aiuto ed esci.

Storia

Quando Internet stava emergendo per la prima volta dalla melma primordiale di ARPANET , c’era solo un’organizzazione che gestiva tutte le registrazioni dei domini: DARPA . WHOIS è stato sviluppato (e standardizzato all’inizio degli anni ’80) per cercare domini, persone e altre risorse relative alle registrazioni di domini e numeri. Poiché tutte le registrazioni sono state eseguite da un’organizzazione in quel momento, esisteva un server centralizzato per tutte le query WHOIS. Ciò ha reso molto semplice la ricerca delle informazioni WHOIS.

I primi server WHOIS erano altamente permissivi e consentivano ricerche con caratteri jolly . Una query WHOIS sul cognome di una persona produrrebbe tutti gli individui con quel nome; una query con una determinata parola chiave ha restituito tutti i domini registrati contenenti quella parola chiave. Una query per un determinato contatto amministrativo ha restituito tutti i domini associati all’amministratore. Dall’avvento di Internet commercializzato, registrar multipli e spammer , tale ricerca permissiva non è più disponibile.

La responsabilità della registrazione del dominio è rimasta con DARPA poiché ARPANET è diventata Internet negli anni ’80. Quindi la National Science Foundation ha ordinato che la gestione della registrazione del dominio Internet sarebbe stata gestita da entità commerciali di terze parti. InterNIC è stata costituita nel 1993 sotto contratto con la NSF, composta da Network Solutions , Inc., General Atomics e AT&T . Nel 1999 la gestione dei TLD .com , .net e .org è stata assegnata a ICANN .

Nel 2005 c’erano molti più domini di primo livello generici rispetto ai primi anni ’80 e molti più domini di primo livello con codice paese. Ciò ha portato a una complessa rete di registrar di nomi di dominio e associazioni di registrar, soprattutto quando la gestione dell’infrastruttura Internet è diventata più internazionalizzata. Di conseguenza, l’esecuzione di una query WHOIS su un dominio ora richiede la conoscenza del server WHOIS corretto e autorevole da utilizzare e gli strumenti per eseguire ricerche proxy WHOIS sono diventati comuni.

Nel 2004 è stato formato un comitato IETF per creare un nuovo standard per la ricerca di informazioni sui nomi di dominio e sui numeri di rete. L’attuale nome di lavoro per questo nuovo standard proposto è Cross Registry Information Service Protocol, o CRISP . È destinato a sostituire un giorno WHOIS, ma è attualmente ancora in fase di sviluppo.

Note tecniche

Ricorda che whois.networksolutions.com per impostazione predefinita ricerca solo nel database dei domini. Se vuoi cercare gli handle NIC, devi anteporre un carattere ” ! “. Quando si esegue questa operazione, il server predefinito diventa whois.networksolutions.com .

Quando si esegue una query su whois.arin.net per reti IPv4 o IPv6 , la lunghezza della maschera di rete CIDR verrà automaticamente rimossa dalla stringa di query .

Quando si interroga whois.nic.ad.jp per i numeri AS, il programma converte automaticamente la richiesta nel formato appropriato, inserendo uno spazio dopo la stringa AS.

Quando si interroga whois.denic.de per i nomi di dominio e non sono specificati altri flag, il programma aggiunge automaticamente il flag -T dn .

Quando si interroga whois.dk-hostmaster.dk per i nomi di dominio e non sono specificati altri flag, il programma aggiunge automaticamente il flag –show-handles .

Se il file di configurazione /etc/whois.conf esiste, verrà consultato per trovare un server prima di applicare le normali regole. Ciascuna riga del file deve contenere un’espressione regolare da confrontare con il testo della query e con il server WHOIS da utilizzare, separata da uno spazio vuoto . I domini IDN devono utilizzare il formato ACE (ASCII Compatible Encoding).

Il protocollo WHOIS non specifica una codifica per i caratteri che non possono essere rappresentati da ASCII e le implementazioni variano notevolmente. Se il programma sa che un server specifico utilizza una determinata codifica, se necessario transcodificherà l’output del server nella codifica specificata dalla locale del sistema corrente.

Gli argomenti della riga di comando vengono sempre interpretati in base alle impostazioni locali del sistema corrente e convertiti nella codifica compatibile IDN ASCII.

Configurazione

Il file di configurazione whois si trova in /etc/whois.conf per impostazione predefinita.

Ambiente

Le seguenti variabili di ambiente influiscono sul funzionamento di whois :

LANGQuando si interroga whois.nic.ad.jp e whois.jprs.jp , viene richiesto il testo inglese a meno che le variabili di ambiente LANG o LC_MESSAGES non specifichino una locale giapponese.
WHOIS_OPZIONIUn elenco di opzioni che verranno valutate prima di quelle specificate nella riga di comando.
WHOIS_SERVERQuesto server verrà interrogato se il programma non è in grado di indovinare dove si trovano alcuni tipi di oggetti. Se la variabile non esiste , verrà interrogata whois.arin.net .

Esempi

whois computerhope.com

Esegue una query whois per il nome di dominio computerhope.com .

chi — Segnala quali utenti hanno effettuato l’accesso al sistema.